UMBERTO PAPPALARDO

Computer Hope

ROMA2000
L’amico Michele Paternuosto si è impegnato da anni nello studio e nella realizzazione di una delle tecniche pittoriche più famose dell’antichità, l’encausto, diffuso nelle civiltà pittoriche egizia, greca e romana. 
Purtroppo di questa tecnica è andata persa nei secoli la conoscenza dei reali procedimenti tecnici per cui la sua attività, oltre ad avere una chiara valenza estetica, costituisce anche per l’archeologia un importante contributo sperimentale. 
Infatti Paternuosto ha potuto dimostrare come la tecnica dell’encausto sia in realtà ricostruibile non solo su supporti rigidi – come il legno ed il marmo – ma persino sull’intonaco fresco, ovvero intriso di acqua ed ancor molle, lasciando stupefatti quegli specialisti della pittura antica che, come me, ritenevano che la cera fosse respinta dall’acqua e pertanto non potesse funzionare da legante sui supporti ” a fresco”. 
L’amicizia ed il contatto con Paternuosto ha costituito quindi per me un ennesimo insegnamento, ovvero che la storia delle tecniche artistiche non vada ricostruita soltanto dai libri e dall’osservazione dei monumenti, ma anche dalla continua frequenza delle botteghe artistiche.

Prof. UMBERTO PAPPALARDO
Docente di Antichità Pompeiane ed Ercolanesi 
FACOLTA’ DI CONSERVAZIONE DI NAPOLI