2014

logo

Mostra: «Raccontare l’antico: terra, acqua e fuoco»

Al Museo della Civiltà Romana gli encausti di Michele Paternuosto e le opere ispirate alla lavorazione fittile di Gastone Primon

fino al 06.01.2013 

Dal 5 ottobre 2012 al 6 gennaio 2013, la mostra «Raccontare l’antico: terra, acqua e fuoco» allestita al Museo della Civiltà Romana propone una serie di opere realizzate con le tecniche dell’Encausto e della Ceramica.

Il titolo evoca l’uso dei materiali primordiali nella produzione artistica: terra, acqua, fuoco. L’esposizione infatti coniuga il recupero di un’antica tecnica pittorica ormai perduta (l’encausto) sapientemente riproposta nelle opere di Michele Paternuosto, con le creazioni ispirate in gran parte alla lavorazione fittile proposte da Gastone Primon. Ambedue gli artisti mettono a disposizione del pubblico i materiali e gli strumenti – come il tornio – che sono alla base delle loro opere contemporanee realizzate secondo le procedure antiche. Tra i due mondi si attua un incontro, una sintesi stimolante, dove la sapienza tecnica degli avi, con l’uso delle cere, argille, terre colorate, bronzo, smalti, si trasmette alla moderna sensibilità dei due brillanti operatori artistici.

L’arte dell’Encausto di cui Michele Paternuosto è maestro e fine conoscitore, ma soprattutto riscopritore nella contemporaneità, è un’antichissima tecnica pittorica già nota ai Greci e molto apprezzata dai romani. Per acquistare un dipinto ad encausto su tavola – si suppone di modeste dimensioni – gli antichi imperatori e i ricchi romani pagavano, secondo Plinio il Vecchio, centinaia di migliaia di sesterzi. La tecnica conobbe grande fortuna nelle pitture parietali e decorazioni pompeiane ed esercitò, in seguito,  grande fascino sul grande Leonardo, che provò anche ad imitarla.

La tecnica di cui fa uso l’Encausto usufruisce nella sua componente principale di cere e fuoco, racchiudendo in sé tutte le discipline pittoriche quali affresco buono, tempera, gouache, acquarello e olio. Possono essere adoperati supporti quali intonaco fresco ancora molle composto di  grassello di calce, pozzolana, sabbia e  polvere di marmo; quindi intonaco secco, legno, marmo, tela, carta, cotto e altro.

Dal canto suo Gastone Primon, artista materico ed informale dei nostri tempi, è un fine ceramista, erede delle migliori conoscenze fittili dell’antichità, che tuttavia interpreta modernamente, rompendo con la tradizionale e centenaria ceramica estense, suo primigenio ambito culturale. L’artista scompone e distrugge manufatti, oggetti e materie varie, per poi ricomporli e riproporli a nuova vita, volendo evocare con ciò i momenti perennemente originari della creatività dell’uomo e del creato.

In una sorta di riciclaggio, che simboleggia l’eterno fermento della materia e della vita che si oppone al fatuo ed effimero consumismo del mondo attuale, Primon  recupera  l’antica e consumata maestria degli antichi vasai etruschi e greci, ma anche paleo veneti, la cui creta, i cui colori e smalti sembrano proiettarsi nel vortice dei giorni d’oggi, come travolti nel tornio elettrico dell’artista stesso. Distruggendo ciò che proviene dal passato, egli in effetti non fa che accoglierlo nel proprio orizzonte poetico, vivificandolo e rigenerandolo per la modernità.

Fondamentali gli incontri che gli Artisti avranno direttamente col pubblico: venerdí 5 ottobre dalle ore 11,00 alle ore 13,00, domenica 7 e domenica 14 ottobre dalle ore 11,00 alle ore 13,00. Per trasmettere un sapere che sta rischiando di scomparire: questo soprattutto per l’opera di studio e sperimentazione di Michele Paternuosto, che come nessuno è risalito ai «segreti» della produzione dell’encausto, spettacolare tecnica pittorica oggi non più conosciuta e praticata, ma di grande fascino.


DOVE E QUANDO

«Raccontare l’antico: terra, acqua e fuoco»

Roma, Museo della Civiltà Romana, Piazza G. Agnelli, 10 (EUR)

Dal 5 ottobre 2012 al 6 gennaio 2013
Orario dal martedí alla domenica dalle ore 9,00 alle ore 14,00 (la biglietteria chiude 1 ora prima)
Info e prenotazioni tel. 060608 (tutti i giorni dalle ore 9,00 alle ore 21,00)